Mi trovo in:

Tutela impresa e consumatore »  + Sanzioni amministrative 

(Rss) Procedimento sanzionatorio

Le principali fasi del Procedimento sanzionatorio

FASE DI ACCERTAMENTO

Il verbale di accertamento è l'atto con cui l'organo di vigilanza, rilevando la responsabilità della violazione commessa, ne comunica gli estremi a tutte le persone responsabili della violazione stessa, contestandola direttamente o procedendo alla notifica dell'atto nel quale è specificato l'importo della sanzione e l'autorità a cui ricorrere in caso di contestazione
Di regola sono responsabili della violazione commessa tutte le persone che amministrano e quindi in questo caso ogni amministratore individualmente soggiace alla sanzione. La società è responsabile in solido cioè deve pagare le sanzioni che gli amministratori responsabili principali non pagano.

Il trasgressore ha due possibilità:

  1. Può effettuare il pagamento liberatorio, pagando la sanzione prevista per la violazione commessa purché avvenga entro il termine di 60 gg. dalla data di contestazione o notifica del verbale. Se il pagamento viene effettuato regolarmente e nei termini di legge, il procedimento si estingue.
  2. Può far pervenire SCRITTI DIFENSIVI, redatti in carta semplice, all'Ufficio Sanzioni Amministrative della Camera di Commercio entro 30 gg. dalla data di contestazione o notifica, qualora ritenga di avere a sua difesa elementi per disconoscere l'accertamento con la possibilità di chiedere di essere sentito personalmente, o tramite un legale o persona di sua fiducia munita di procura.

FASE SANZIONATORIA

Se non si estingue il procedimento con il pagamento liberatorio l'autorità competente a ricevere il rapporto esamina la posizione del soggetto interessato ed effettua l'istruttoria emettendo:

  • Motivata ordinanza di Archiviazione se ritiene che non esistano i presupposti di merito o formali per procedere
  • Motivata Ordinanza - Ingiunzione di pagamento se ritiene che l'interessato sia responsabile della violazione

In quest'ultimo caso possono verificarsi tre situazioni il sanzionato può:

  • Decidere di pagare in un'unica soluzione entro 30 gg. dalla notifica dell'ordinanza presentando la documentazione dell'avvenuto pagamento per la chiusura del procedimento all'Ufficio Sanzioni, o se si trova in condizioni disagiate può presentare, in carta semplice, richiesta di estinzione del suo debito a rate, entro 30 gg. dalla data di notifica dell'ordinanza;
  • Decidere di opporsi, e in questo caso non deve pagare, presentando ricorso avanti al Giudice di Pace o al Tribunale entro 30 gg. dalla data di notifica dell'ordinanza;
  • Decidere di non pagare diventando inadempiente e verrà iscritto a ruolo per mezzo di emissione di cartella esattoriale, applicando alla sanzione pecuniaria una maggiorazione del 10% per ogni semestre compiuto di ritardo, più l'interesse legale maturato per le frazioni di semestre.

Nel caso in cui il sanzionato erroneamente, paghi oltre il termine di legge, l'ufficio provvederà alla registrazione del pagamento ad estinzione della sanzione, ma dovrà comunque procedere mettendo a ruolo la maggiorazione e gli interessi maturati.

Schema Grafico della Legge n. 689/1981

---------------------

In data 24/01/2013 la Camera di Commercio ha deliberato l'aggiornamento degli importi delle sanzioni amministrative, relative ai verbali del Registro delle Imprese, alla luce delle disposizioni introdotte dalla Legge n. 180 del 11/11/2011.

Determinazione Dirigenziale n. 13  del 24/01/2013 

Tabella importi delle sanzioni


 

Calendario eventi

  • precente <
  • {{selectedDate.format('MMMM YYYY')}}
  • seguente >

LUN MAR MER GIO VEN SAB DOM
{{giorno.format('D')}}



Vai allo Skip Menu