Mi trovo in:

Registri, albi, certificazioni »  + Registro Imprese e servizi anagrafici 

(Rss) Deposito bilanci ed elenchi soci

MODIFICHE INTRODOTTE DAL DECRETO CURAITALIA - DECRETO LEGGE 17 MARZO 2020 N.18 (pubblicato ed entrato in vigore il 1703/2020)

Il decreto 18/2020 - al cui testo si rinvia per una lettura integrale - stabilisce alcune novità e deroghe in relazione al prossimo adempimento del deposito del bilancio al 31/12/2019.

Tutte le deroghe si applicano alle assemblee convocate entro il 31 luglio 2020 o comunque, se successiva, entro la data fino alla quale sarà in vigore lo stato di emergenza

In particolare il decreto legge stabilisce:

-         Rinvio di due mesi dei termini per la convocazione delle assemblee societarie chiamate ad approvare i bilanci 2019: tutte le società di capitali potranno convocare l’assemblea ordinaria entro 180 giorni dalla chiusura dell’esercizio sociale, a prescindere dalle relative disposizioni statutarie. Più precisamente il decreto stabilisce che, in deroga a quanto previsto dall’art. 2364, comma 2, c.c. e dall’art. 2478-bis, è consentito a tutte le società di convocare l’assemblea ordinaria entro 180 giorni dalla chiusura dell’esercizio sociale. Le adunanze per l’approvazione dei bilanci 2019 potranno quindi essere convocate entro il 28 giugno 2020, che quest’anno cade di domenica.

-         Modalità di svolgimento delle assemblee, facilitazioni atte a ridurre gli assembramenti: soci e azionisti possono partecipare anche con modalità telematiche. Le S.r.l. potranno consentire l’espressione del voto mediante consultazione scritta. Le deroghe previste dal decreto si applicheranno alle assemblee convocate entro il 31 luglio o comunque, se successive, entro la data fino alla quale sarà in vigore lo stato di emergenza. In dettaglio è stabilito per tutte le società di capitali (S.p.a., S.a.p.a., S.r.l. e cooperative) che, con l’avviso di convocazione delle assemblee ordinarie o straordinarie, sia possibile prevedere, anche in deroga alle diverse disposizioni statutarie, l’espressione del voto elettronico o per corrispondenza e l’intervento all’assemblea mediante mezzi di telecomunicazione. Tutte le società di capitali potranno inoltre prevedere che l’assemblea si svolga, anche esclusivamente, mediante mezzi di telecomunicazione che garantiscano l’identificazione dei partecipanti, la loro partecipazione e l’esercizio del diritto di voto, senza, in ogni caso, la necessità che si trovino nel medesimo luogo, ove previsti, il presidente, il segretario o il notaio. Con specifico riferimento alle S.r.l., inoltre, viene ammesso che l’espressione del voto possa avvenire mediante consultazione scritta o per consenso espresso per iscritto, anche in deroga a quanto previsto dall’art. 2479-bis, comma 4 c.c. e alle diverse disposizioni statutarie.
Ulteriori e specifiche disposizioni sono poi stabilite per le S.p.a. quotate, per le società ammesse alla negoziazione su un sistema multilaterale di negoziazione e alle società con azioni diffuse fra il pubblico in misura rilevante, per le banche popolari e le banche di credito cooperativo

 

Ulteriore eccezione per le organizzazioni non lucrative di utilità sociale (ONLUS) di cui all'articolo 10, del decreto legislativo 4 dicembre 1997, n. 460 iscritte negli appositi registri, per le quali la scadenza del termine di approvazione dei bilanci ricade all’interno del periodo emergenziale: esse possono approvare i propri bilanci entro 31 ottobre 2020, anche in deroga alle previsioni di legge, regolamento o statuto (art. 35 D.L. 18/2020)

 

*******************************

 

GUIDA UNIONCAMERE E GUIDA INTEGRATIVA DI ANCONA

Per la predisposizione e il deposito al Registro imprese dei bilanci di esercizio al 31/12/2019, gli utenti devono fare riferimento al MANUALE OPERATIVO DI UNIONCAMERE  e alle integrazioni di Ancona che contiene decisioni del Conservatore, prassi dell'ufficio e alcuni suggerimenti dati dall'osservazione degli errori più ricorrenti in merito al deposito del bilancio.
Approfondimenti nella pagina dedicata.

 

CAMPAGNA BILANCI 2020:  TASSONOMIE XBRL

A partire dal 1° gennaio 2020 le tassonomie da adottare per il deposito dei bilanci d'esercizio e dei bilanci consolidati nel formato XBRL al Registro delle imprese sono le seguenti:
- la tassonomia Principi Contabili Italiani 2018-11-04 per i bilanci redatti secondo le regole civilistiche post d.lgs. 139/2015 ossia relativi a esercizi iniziati il 1° gennaio 2016 o in data successiva;
- la tassonomia Principi Contabili Italiani 2015-12-14 per i bilanci redatti secondo le regole civilistiche ante d.lgs. 139/2015 ossia relativi a esercizi iniziati prima del 1° gennaio 2016.
Si ricorda che tutte le altre tassonomie sono state dismesse e quindi non sono più utilizzabili per il deposito dei bilanci (è stata dismessa anche la tassonomia 2017-07-06).

 

 


 
 

aziende speciali e istituzioni degli enti locali - nuovi adempimenti al Registro Imprese

Il Ministero Sviluppo Economico, con circolare n. 3669/C ha dato indicazioni operative per l'iscrizione nel registro delle imprese o nel REA e il deposito del bilancio d’esercizio da parte delle istituzioni e delle aziende speciali di cui all’art. 114 del decreto legislativo 267/2000 (testo unico degli enti locali). L'obbligo di deposito del bilancio scade il 31 maggio di ogni anno.  ... continua

Calendario eventi

  • precente <
  • {{selectedDate.format('MMMM YYYY')}}
  • seguente >

LUN MAR MER GIO VEN SAB DOM
{{giorno.format('D')}}



Vai allo Skip Menu