Vai allo Skip Menu

Tassa di concessione governativa: non è più dovuta per le attività soggette a verifica da parte della Camera di Commercio



Con  nota del 13 ottobre 2015, l' Agenzia delle entrate – Direzione Generale della Lombardia, in risposta ad un interpello formulato dalle Camere di Commercio lombarde, ha chiarito che non è dovuta la tassa di concessione governativa per la presentazione al Registro delle Imprese o al REA, della Segnalazione Certificata di Inizio Attività (SCIA ) per le attività soggette a verifica dei requisiti da parte della Camera di Commercio, ribadendo i principi già espressi in risposta all'interpello della Confederazione Italiana degli esercenti commercianti Campania e all'interpello della Camera di Commercio di Vibo Valentia.

Pertanto, dalla data odierna, per le attività di installazione di impianti, autoriparazione, pulizia, disinfezione, disinfestazione, derattizzazione, sanificazione, facchinaggio, agente di commercio, agente di affari in mediazione,  spedizioniere e mediatore marittimo la Camera di Commercio di Ancona NON richiede più il pagamento della tassa di concessione governativa.

 

Consulta anche le DISPOSIZIONI DEL CONSERVATORE SU TASSA DI CONCESSIONI GOVERNATIVE PER SCIA al registro delle Imprese per le attività cosidette "regolamentate"

Data di pubblicazione: 19/10/2015

Autore: Luana Bolognini

Calendario eventi

  • precente <
  • {{selectedDate.format('MMMM YYYY')}}
  • seguente >

LUN MAR MER GIO VEN SAB DOM
{{giorno.format('D')}}



Vai allo Skip Menu